Accesso non effettuato.



In Calabria si possono individuare due zone nettamente diverse per quanto riguarda i dialetti: una settentrionale, con una grossa influenza latina, e l'altra meridionale dove si parl˛ il greco fino al 13░ secolo.
Guardavalle fa proprio parte di quest'ultima zona ma bisogna dire anche che al dialetto calabrese hanno dato una mano anche altri popoli che sono passati da questa regione, tra cui romani, arabi e spagnoli.
Ecco alcuni vocaboli di esempio:

argagnu vaso di terracotta (˛rganon)
cannÓta vaso di argilla (canna)
catoju stanza a piano terra (katÓ oikýa)
cerasu ciliegia (kerÓsion)
ciaramýda tegola (keramýs)
c˛fhana cesta grande (c˛phinos)
cofhaneja cesta piccola  
eja, neja, nejati affrŔttati (eia=incoraggio)
grasci˛mulu albicocca (kr¨sos+melon=frutto d'oro)
mbrahatu rauco (bragh˛s)
naca culla (nÓche)
padeja padela (pÓtella)
papp¨ nonno (papp˛s)
petrusýnu prezzemolo (petroselýnon)
rizza torsolo,radice (riza)
ruga vicolo di paese (ruga)
scifhu mangiatoia per suini (skifos=recipiente di legno concavo)
sporýa striscia di campo (sporýa)
tiana tegame (tegÓmon)
vastÓsu zotico, scostumato (bastÓso = sollevo, trasporto)
zitu fidanzato (zetŔo=cerco)

Dal mondo latino
cernýra scegliere (cernere)
chistu questo (iste)
esta Ŕ (est)
lambÓ lumaca (limax)
pitta focaccia (pitta)
simu siamo (simus)
soru sorella (soror)
trasýra entrare (trans+ire)

Dal mondo spagnolo
guappu bravaccio (guapo)
levÓra portar via, alzarsi (llevar)
spagnÓra aver paura (espanyar)
talÓja guardia (atalayar)
tamÓrru rozzo (zamarro)
tenýra avere, tenere (tener)

Dal mondo arabo
calijÓra seccare al sole (qalÓ)
cantÓru quintale (quintar)
cassarijÓra sprecare (hasara)
giarra giara (garra)
margiu terreno non coltivato (marg)
scirubetta gelato (sciorbet)
tafharŔja canestro (taifurija)
tamb¨tu feretro (tabut)

Dal mondo francese
accattÓra comprare (acheter)
all'intrasatta all'improvviso (entrefaites)
arangu arancia (orange)
arranciara adattarsi, adattare (arranger)
biveri vasca per abbeveratoio (vivier)
brocca forchetta (broche)
custureri sarto (couturier)
darrŔdi di dietro (derrier)
dunÓra donare (donner)
fhorgiÓru fabbro (forgeron)
gÓggia gabbia (cage)
mustÓzzu baffo (moustache)
potiha bottega (boutique)
prescia fretta (presse)
sarviettu tovagliolo (serviette)
simÓna settimana (semaine)
tirÓturi tiretto (tiroir)
tumbÓra cadere (tomber)