Accesso non effettuato.



PAESAGGIO GEOLOGICO

Il territorio comunale di Guardavalle si colloca lungo il versante jonico della provincia di Catanzaro, quasi al centro della Calabria. La morfologia è particolarmente aspra e accidentata, con profonde incisioni vallive di aspetto piuttosto selvaggio, con rilievi collinari dai versanti ripidi e incisi da frequenti corsi d'acqua a carattere torrentizio.
Limitate pianure e altre sottilissime strisce, lasciano subito il posto a versanti scoscesi. Così a Guardavalle in un breve spazio si passa da quota zero dal mare, sul versante costiero confinante con l'antica colonia magnogreca di Kaulon, a quote vicino ai mille metri.
L'assetto morfologico è legato alle litologie affioranti, alle azioni tettoniche che hanno deformato e sollecitato le masse rocciose. L'arca si colloca dal punto di vista geologico strutturale nel Complesso Calabride, unità che interessa l'intero arco calabrese fino alle montagne peloritane.
Affiorano in prevalenza terreni metamorfici, cioè rocce che hanno subito trasformazioni fisico chimiche per le forti azioni dinamiche che hanno interessato il settore. Sotto il profilo geologico ci sono zone costituite da formazioni carbonatico argillose silicee di età mesozoica e paleozoica, ed altre che presentano una composizione litologica molto eterogenea, costituita essenzialmente da quarzo, ortoclasio, miche, talvolta anche da pirosseni, come la roccia granitica, a struttura granulare, e con sedimenti caratterizzati da una alternanza notevolmente irregolare e da una grande variabilità di spessore, litotipi e durezza.
Lungo i principali corsi d'acqua si estendono per ampi tratti vaste coltri alluvionali, sia più recenti, in fase di evoluzione e diffuse soprattutto nei tratti inferiori dei fiumi, sia di età più antica, terrazzate a varie altezze sopra gli alvei attuali. Le valli percorse dal torrente Assi presentano una forma allungata, sono lunghe e larghe chilometri a volte, con tratti molto ampi. Si presentano anguste nel loro tratto più a monte, circondate da rilievi piuttosto alti, ripidi ed intensamente coperti da bosco.
Il fiume segue un andamento sud/ovest nord/est, scorre a volte profondamente incassato in delle gole, si forma una massa d'acqua provocata dal repentino e considerevole dislivello lungo il corso del torrente, che scende giù a cascata, fino a sboccare in mezze pianure dove le valli si aprono verso il mare e dirette allo sbocco nello Jonio.
L'Assi annovera tra i suoi maggiori affluenti un gruppo di sorgenti. Poderoso influente nelle piene ma completamente asciutto nei mesi di magra, ma con dei canali perenni. li paesaggio geologico è quindi vario ed interessante; anche un osservatore meno esperto può percepire, dalla sua visione, quali siano state e quali sono le forze di dinamica endogena che hanno sollecitato tutto il territorio.

Testo fornito dalla Proloco di Guardavalle