Patto per la Calabria, fondi in seconda battuta per la SS106 - Guardavalle online

Leggendo gli atti si scopre che allo stato non ci sono specifiche risorse stanziate per Soverato e gli altri centri

Guardavalle On Line - Immagini e notizie dalla Calabria - Guida al Turismo

Accesso non effettuato.
Commenta la notizia
Questa notizia non ha ricevuto nessun commento
Questa notizia e' stata letta 345 volte

Indietro

Dimensione caratteri Diminuisci le dimensioni del carattere Reimposta le dimensioni del carattere Aumenta le dimensioni del carattere
Categoria: Trasporti

Patto per la Calabria, fondi in seconda battuta per la SS106

Leggendo gli atti si scopre che allo stato non ci sono specifiche risorse stanziate per Soverato e gli altri centri

Alla fine, bisognerà ancora aspettare prima di poter cantare vittoria sulla sorte dell'adeguamento della strada sta-tale 106. Aldilà, infatti, dei cori di lode sul pur consistente "Patto per la Calabria" che il presidente del consiglio Matteo Renzi ha appena siglato assieme al governatore Mario Oliverio, le risorse che riguardano alcune infrastrutture, tra le quali la statale jonica, sono ancora da determinare e, comunque, faranno parte di specifici contratti di programma da stipulare con l'Anas e, per quel che riguarda la rete ferroviaria, con Rfi. Emerge a chiare lettere dal testo del Patto, che parla dell'adeguamento della strada statale, ponendolo fra gli obiettivi prioritari a livello nazionale e regionale, assieme alla velocizzazione della linea ferrata Salerno-Reggio Calabria e all'autostrada A3. Il paragrafo sulle "infrastrutture nodali" è il primo nel documento, la cui applicazione sarà verificata «almeno ogni sei mesi a partire dalla data di assegnazione delle risorse» e spiega che «gli interventi in questo settore sono quelli relativi allo studio di fattibilità per la velocizzazione delle linea ferroviaria Salerno-Reggio Calabria (tirrenica, n.d.c.)», oltre che il potenziamento infrastrutturale del porto di Gioia Tauro e la pro-mozione del sistema aeroportuale calabrese. Quanto, invece, agli interventi relativi alle infrastrutture "lineari" e alla logistica «compresi nei contratti di programma nazionali, a partire da quelli della rete europea (A3, E90 e grandi trasversali) e quelli su linee ferrate aventi un molo importante per l'area jonica, sono oggetto di un confronto con le amministrazioni nazionali competenti, ormai in fase avanzata, per un'intesa integrativa del presente Patto». Tradotto, significa che nello specifico questi ultimi interventi dovranno essere ancora valutati in un confronto in corso, progettati, quindi inseriti nelle pianificazioni pluriennali per essere successivamente portati a concreta realizzazione. Non sembrano proprio, dunque, azioni da mettere in cantiere nell'immediato, soprattutto per quel che riguarda i tratti di 106 fra Squillate e il territorio reggino passando per Soverato e Guardavalle, da adeguare radicalmente, e la stessa tratta ferroviaria jonica, che è genericamente citata, ma senza delle specifiche prospettive. È pur vero che il Patto per la Calabria prevede la possibilità di riprogrammare «le risorse», compatibilmente con gli obiettivi, ma bisognerà lavorare per far si che ciò possa portare all'integrazione rapida di un documento che potrebbe in effetti rappresentare un importante "treno" di rilancio territoriale.

Fonte: Gazzetta del Sud - Francesco Ranieri
11-05-2016 @ 09:33

Commenti ricevuti: 0


Accedi per vedere i commenti e partecipare a questa discussione!
Se non sei in possesso dei dati necessari, registrati


Per poter commentare una notizia devi effettuare il login.
User: 
Password: 

Se non sei in possesso dei dati necessari, registrati!