Risiko - I problemi degli italiani e le finte guerre della politica - di Giovanni Floris - Rizzoli - Guardavalle online

Prima edizione ottobre 2006. Introduzione - La sindrome del Risiko. Il Risiko è un gioco: non ha altro fine che far passare il tempo a chi ci gioca. A Risiko si combattono guerre furiose che non hanno influenza sulla realtà, xché si tratta di un gioco...

Guardavalle On Line - Immagini e notizie dalla Calabria - Guida al Turismo

Accesso non effettuato.
Commenta la notizia
Questa notizia non ha ricevuto nessun commento
Questa notizia e' stata letta 72 volte

Indietro

Dimensione caratteri Diminuisci le dimensioni del carattere Reimposta le dimensioni del carattere Aumenta le dimensioni del carattere
Categoria: Generiche

Risiko - I problemi degli italiani e le finte guerre della politica - di Giovanni Floris - Rizzoli

Prima edizione ottobre 2006.
Introduzione - La sindrome del Risiko.
Il Risiko è un gioco: non ha altro fine che far passare il tempo a chi ci gioca.
A Risiko si combattono guerre furiose che non hanno influenza sulla realtà, xché si tratta di un gioco...

...
Ci sentiamo importanti, ma in realtà non lo siamo. Mentre giochiamo possiamo fingerci grandi strateghi, credere di avere le mani tra le sorti del mondo: in realtà stiamo facendo passare il tempo. E un gioco appassionante, ma solo per chi vi partecipa.

La politica italiana cade spesso vittima della sindrome del Risiko: i protagonisti parlano un linguaggio tutto loro, si confrontano su tematiche oscure per la maggior parte dei cittadini, si dividono in squadre per combattere battaglie assolutamente inutili, che servono solo a far passare il tempo a loro e a chi parla di loro.
Come le pedine e i regolamenti del Risiko richiamano a truppe inesistenti, così i nostri politici spesso si affrontano in scenari che non hanno alcun collegamento con la realtà, che non riguardano più il mondo di chi li ha eletti.

Ci sono problemi strutturali, vere e proprie linee di frattura che attraversano la nostra società, ma noi non siamo più in grado di affrontarli in modo pragmatico. Individuiamo la spaccatura e ci schieriamo da un parte e dall'altra del crepaccio. Una metà dell'Italia si pone a sinistra, l'altra a destra. Basta un cenno, una parola d'ordine e l'Italia si divide: non su idee e progetti alternativi, ma su atteggiamenti, frasi fatte, principi prèt a porter a uso di chi da decenni gestisce il potere. ...
22-11-2016 @ 21:04

Autore: seminare


Commenti ricevuti: 0


Accedi per vedere i commenti e partecipare a questa discussione!
Se non sei in possesso dei dati necessari, registrati


Per poter commentare una notizia devi effettuare il login.
User: 
Password: 

Se non sei in possesso dei dati necessari, registrati!