lunedì , 23 ottobre 2017
Home / Sport / La formazione di Gregorace insegue il sogno dell’Eccellenza

La formazione di Gregorace insegue il sogno dell’Eccellenza

Il Soriano torna subito in vetta

SORIANO: Donato 6.5, Valente 6.5, Romeo 6.5, Clasadonte 6.5, Pizzonia 6.5, Barba 6.5, Dall’Armellino 6.5, Pisani 6.5, Chiarello 6.5, Crisalli 6.5, Soriano 6.5. Allenatore: Gregorace 7.

GIOIOSA JONICA: Cotrona 6.5, Catalano G. 6, Logozzo 6, Schiavello 6, Aquino V. 6.5, Aquino D. 6.5, Mesiti 6, Satta 6.5, Palermo 6, Catalano N. 6.5, Albanese 6. Allenatore: Scorrano 6.

ARBITRO: Viapiana di Catanzaro (Sciammarella e Cozza di Paola).

MARCATORI: 42′ pt Crisalli.

Vittoria doveva essere e vittoria è stata.

Il Soriano fa suo il recupero, della terzultima gara di campionato, con il Gioiosa Jonica, e balza nuovamente in testa alla classifica. Ad alimentare il sogno dell’Eccellenza il solito Crisalli. Di quest’ultimo, infatti, è il gol che ha consentito alla formazione di mister Gregorace di battere i reggini e di piazzarsi nuovamente al primo posto.

La squadra vibonese ha giocato come sa fare, ha concesso poco agli avversari e, alla fine, si è messa in saccoccia tre punti importantissimi che potrebbero valere il salto di categoria. Un obiettivo a cui punta la società e che farebbe esplodere la gioia della tifoseria.

Tuttavia, non è stata una passeggiata. Il Gioiosa Jonica ha venduto cara la pelle e non ha lasciato nulla di intentato pur di portare a casa almeno un punticino.

Malgrado ciò, il Soriano scende in campo con il piglio giusto e già ad avvio di gara si rende pericolo in diverse occasioni.

Al 20′ incursione in area di Chiarello che viene messo giù da chi lo aveva in consegna. Per l’arbitro non c’è stato fallo. Pochi minuti più tardi sale in cattedra Crisalli che, però, trovatosi a tu per tu con l’estremo difensore ospite, sbaglia clamorosamente.

Al 42′ la svolta dell’incontro: calcio d’angolo, Crisalli è più lesto di tutti e con la punta del piedi spinge la sfera oltre la linea di porta. Nel secondo tempo i reggini alzano la testa e cercano di spostare in avanti il loro baricentro. Ma Donato fa buona guardia e chiude la saracinesca.

Anche se a sventare il vero pericolo è Pizzonia che respinge sulla linea un tiro di Catalano. Poi a rendersi protagonista, in negativo, è il direttore di gara che stoppa Crisalli rivelando un fuorigioco inesistente. Sempre il bomber rossoblu va vicinissimo al raddoppio: ottimo l’assist di Clasadonte con Crisalli che sbaglia ancora una volta la mira.

Protagonista nel bene e nel male. L’ultimo sussulto è degli ospiti: Palermo entra in area e cade dopo un contatto con Pizzonia. Anche in questa occasione la giacchetta nera lascia correre, tra le proteste degli ospiti. Finisce 10 con il Soriano che si gode la vetta. Adesso c’è la Laureanese .

Fonte: Il Quotidiano

Leggi anche

L’impresa dei ciclo-escursionisti: da Serra San Bruno a Reggio in mountain bike

Due appassionati di natura e sport hanno percorso 150 chilometri in due giorni immersi nella …

X