giovedì , 24 agosto 2017
Home / Cultura / Guardavalle, esempio di integrazione multiculturale

Guardavalle, esempio di integrazione multiculturale

E’ nella giornata di sabato 22 luglio che la chiesa Matrice di Guardavalle Centro accoglie i due piccoli, Jessica (4 mesi) e Destiny (3 mesi) accompagnati dai corrispettivi genitori Hermann e Therese (Camerun), Stephen e Beauty (Nigeria), residenti già da qualche mese a Guardavalle.

I due bambini sono ospiti del Centro Cas di Guardavalle, gestito dalla Cooperativa Dedalo.

Sono presenti alla cerimonia, il parroco Don Angelo Comito, le madrine, Tiziana e Francesca, il Sindaco, Pino Ussia.

Una comunità, quella di Guardavalle che con la collaborazione di tutti, la Direttrice del Centro, gli operatori, i cittadini, si può dire a gran voce, si è rivelata un esempio di integrazione multiculturale e multirazziale. Una moltitudine di culture e di colori che si sono incontrati per crescere insieme, una chiesa tripudio di colori.

In pochi mesi, abbiamo visto, grazie alla presenza di famiglie nostre ospiti, portare a battesimo due bambini, e per questa comunità è un grande traguardo. Sembra infatti, ritornata la vita delle vie e delle piazze. Il futuro di molte comunità che rischiano lo spopolamento, passa anche attraverso l’accoglienza e la valorizzazione delle diversità.

E’ il giorno di Jessica e Destiny, dell’accoglienza sincera di un paese che lancia un messaggio: è saper donare che appaga e rende gli uomini liberi, nella conoscenza, quanto nell’amore.

Leggi anche

Martina Bruno, talento guardavallese

Si chiama Martina Bruno, è di Guardavalle, e con la sua voce e i suoi …

X