Mister Saverio Gregorace tra i primi tre migliori allenatori

È Scorrano il tecnico più bravo

Il Cotronei che continua a regalare emozioni. Marino che non smette di segnare. Scorrano che inizia a lasciare il segno anche da allenatore. Ed ancora: il Soriano difficile da battere e il Siderno altrettanto ostico da perforare. Sono questi gli spunti principali offerti dall’analisi numerica dell’anno solare 2017. Al solito siamo andati a vedere chi, dallo scorso gennaio, ha fatto meglio e chi, invece, ha deluso, in termini numerici, analizzando ogni aspetto. Perché contano i fatti, ma le cifre stanno alla base di ogni cosa e queste hanno pur sempre una certa valenza. IL CRITERIO – Abbiamo analizzare le sole gare di campionato della stagione regolare (escludendo play off e play out, spareggi e la coppa) delle 36 squadre che nell’anno solare 2017 hanno militato in Eccellenza e/o in Promozione, che sono poi i principali campionati dilettantistici regionali. Tutte le formazioni prese in esame hanno disputato 30 partite. IL TRIS – Anche il 2017, come il 2016, ha sorriso al Cotronei. L’anno scorso la compagine cotronellara portò a casa ben 5 primati. Quest’anno si è fermata a tre, ma sono pur sempre record di rilievo, che si accompagnano alla promozione in Eccellenza. Il Cotronei è stata così la squadra che ha fatto più punti di tutti (66), che ha vinto il maggior numero di partite (21, lo stesso dato ottenuto anche nel 2016)) e che ha messo a segno il maggior numero di gol (65). Bene anche il Bocale, ai primi posti in quasi tutte le graduatorie, alla pari del Soriano, ma pure del Corigliano e del Sambiase, nonostante entrambe siano retrocesse in Promozione. ERMETICI – Il Siderno è la squadra che ha incassato meno gol. Con 23 reti subite precede il Soriano (26). Quest’ultima formazione è quella che ha subito meno sconfitte di tutti (4 su 30 gare), davanti al Bocale ed allo stesso Siderno (fermi a 5). Sia il Soriano, pertanto, sia il Siderno hanno dimostrato, nell’anno che ci sta per lasciare, di essere davvero duri da battere. PAREGGI – Record di risultati di parità per Trebisacce ed Aprigliano: 11. Al contrario la Juvenilia ha pareggiato appena 2 volte: la squadra di Roseto ha giocato senza fare calcoli. COLABRODO – Anno da dimenticare, dal punto di vista numerico, per il San Fili, che ha perduto ben 22 volte su 30, chiudendo pure con peggiore attacco (25) e difesa (62), vincendo appena 4 volte e facendo appena 16 punti: insomma un pokerissimo di primati negativi. I BOMBER – Con 25 reti è Ciccio Marino, del Brancaleone, il miglior goleador del 2017. Una media elevatissima, la sua. Alle spalle del centravanti reggino ecco Covelli a quota 20 (l’anno scorso fu terzo) ed il solito Gallo che, a quota 18, deve accontentarsi della 3ª posizione dopo aver trionfato nella passata stagione assieme a Sarli (entrambi nel 2016 chiusero a quota 27). Fuori dal podio Fabio Longo, 5° in classifica, dopo aver ottenuto, nelle due precedenti annate, un primo ed un terzo posto. Pure in questo caso abbiamo conteggiato i gol fatti fra Eccellenza e Promozione, nella stagione regolare. IL TECNICO – Anche qui uguale criterio, prendendo in esame solo quegli allenatori che hanno totalizzato almeno 20 panchine nell’anno solare (quindi i due terzi delle partite). La migliore media punti è di Umberto Scorrano (2,10), che nel 2017 ha diretto il Gioiosa Jonica prima ed il Locri dopo. Il trainer catanzarese, che da poco ha conquistato la Coppa Italia, è così il migliore del 2017, precedendo l’inossidabile Pippo Laface, fermatosi a 2,04 con Siderno e Bocale. Una seconda posizione che gratifica e che ribadisce le sue qualità. Si conferma al 3° posto Saverio Gregorace, trainer emergente che, con il Soriano, ha fatto 60 punti in 30 gare, per una media perfetta di 2 punti a partita. Fuori dal podio Pippo Trapasso, vincitore nel 2016 e al quarto posto nel 2015: anche qui un tecnico esperto che continua a fare ottime cose.

Fonte: Il Quotidiano – Roberto Saverino

Commenti
Loading...
X