venerdì , 22 settembre 2017
Home / Natura e territorio / Stilo, Pazzano, Guardavalle e Bivongi per contrastare il dissesto geologico

Stilo, Pazzano, Guardavalle e Bivongi per contrastare il dissesto geologico

I sindaci dei comuni di Stilo, Guardavalle, Pazzano e Bivongi si sono incontrati nel municipio di Stilo con l’intento di costituire il partenariato per il contratto di fiume denominato “Vallate bizantine”. Presenti Felice Valenti, sindaco di Bivongi, Giuseppe Ussia, sindaco di Guardavalle, Alessandro Taverniti, sindaco di Pazzano, e Giancarlo Miriello, sindaco di Stilo.

“Contratto di fiume”, varato dall’assessorato all’Urbanistica della Regione Calabria, a cui i comuni calabresi stanno unendosi per aderire a questo importante progetto perché mira alla salvaguardia del territorio, puntando a evitare il continuo dissesto idrogeologico.

Intanto, nel corso dell’incontro è stato stabilito all’unanimità che il supporto tecnico del contratto di fiume dovrà essere fornito dall’ente Parco regionale naturale delle Serre calabre che sarà parte integrante dello stesso contratto, inoltre gli obiettivi individuati per i territori attraversati dalle fiumare Assi di Guardavalle, Stilaro di Bivongi e Stilo, e il torrente Melodare di Bivongi e Pazzano, sono oltre al contrasto del dissesto idrogeologico, alla tutela delle acque e della biodiversità, al sostegno alla produzione locale, al sostegno etico e sostenibile alle attività economiche locali, allo sviluppo e sostegno alle attività agro-silvo pastorali, al contrasto allo spopolamento, al sostegno del turismo culturale e ambientale, alla tutela e sviluppo dei beni culturali e ambientali, alla valorizzazione delle risorse enogastronomiche e, infine, alla salvaguardia del territorio.

A Conclusione dell’incontro, i sindaci si sono impegnati a divulgare e coinvolgere i privati nella costituzione del contratto di fiume. Di sicuro uno strumento essenziale per il territorio di Guardavalle e della vallata Stilaro per le attività economiche e turistiche che potrebbero sorgere ma, anche, per il ripopolamento ittico dei fiumi, specie per lo Stilaro dove da circa mezzo secolo sono scomparse le anguille che un tempo erano anche economia per molte famiglie. Infatti, la costruzione di un’alta briglia in località Bordigiano di Stilo, dove il ponte attraversa il fiume, non ha più permesso la risalita delle anguille per raggiungere il loro habitat fin dove nasce la cascata del Marmarico.

Nessuno è mai intervenuto e si spera, ora, con i contratti di fiume di soddisfare quanti da tempo avevano suggerito di risolvere il problema.

A giorni giungerà nella vallata, l’assessore alla Pianificazione Urbanistica, Franco Rossi, e l’augurio di tutti è che quanto ha dichiarato di recente, “Raggiungere l’importante obiettivo di una Calabria territorialmente più sicura e urbanisticamente più ordinata”, si possa avverare.

Fonte: Telemia.it

STILO, PAZZANO, GUARDAVALLE, BIVONGI E IL CONTRATTO PER CONTRASTARE IL DISSESTO IDROGEOLOGICO

Leggi anche

Progetto di Recupero, Conservazione, Valorizzazione e Riuso del Centro Storico di Guardavalle

“I borghi sono un patrimonio italiano importante, sistematicamente violato, ma che merita, come dovere morale, …

X