Appello al voto Avv. Belmonte Lista n° 1 “Civiltà Politica”

La redazione riceve e pubblica

CONCITTADINE E CONCITTADINI

credo che ognuno di noi, nel corso della vita, si sia sempre trovato di fronte ad innumerevoli bivi. La scelta della strada da intraprendere a volte è stata semplice, altre, invece, del tutto ardua e complicata. Spesso ci siamo fatti suggerire dal cuore, altre volte dalla ragione, quasi mai, purtroppo, da entrambi di comune accordo.

Ma la regola ha come sempre la sua eccezione a sua conferma, ed il bivio che ci si pone di fronte a tutti noi, cittadini di Guardavalle, alle prossime elezioni, ne è la prova.

Domenica, infatti, saremo e sarete chiamati nuovamente alle urne e la scelta che in via principale dovremo fare è se andare a votare o meno.

Io credo fortemente che l’interrogativo sia del tutto retorico, poichè sono convinto che la risposta dei guardavellesi sarà certamente quella del voto.

Un voto libero, consapevole, anche critico e persino di protesta, se lo riterrete, ma sicuramente un’espressione della vostra volontà, del vostro convincimento, della vostra voce all’interno di una comunità come la nostra.

Non posso immaginare, neanche per un solo istante, che l’ignavia prevalga sul coraggio della libera espressione, che la sfiducia verso chi ha fatto promesse mai mantenute o chi ha amministrato la cosa pubblica nel chiuso delle proprie stanze, possa scalfire la vostra e nostra ferrea volontà di essere protagonisti di quel cambiamento, ormai necessario ed improcrastinabile, per la comunità Guardavallese.

Questa dovrà essere la scelta di voto dettata dal cuore, dalla passione, dall’entusiasmo di sentirsi finalmente parte attiva della propria “citta” e dalla ragione e dalla consapevolezza di esercitare un vostro diritto-dovere senza condizionamenti personali, scevri dal bisogno e lontano da logiche di appartenenza politica o di bandiera.

Se ciò avverrà, questo appello al voto non sarà atto inutile e lezioso.

COMPRENDO che i temi e le modalità adottate in campagna elettorale dalla lista n° 2 con a Sindaco l’Infermiere Ussia, siano state improntate al solo fine di produrre incertezza e assoluta disinformazione su quel poco o nulla che la Giunta uscente ha saputo realizzare l’ enfasi comiziale ormai vicina alla sindrome, i toni aggressivi usati, la pochezza intellettuale dimostrata, gli annunci e le dichiarazioni pubbliche altamente autoreferenziali, la ricerca spasmodica della offesa e della denigrazione personale del capolista della lista n° 1 Dott. Tedesco, gli atti di prepotenza amministrativa in campagna elettorale, l’utilizzo dell’ “asfalto e\o bitume “ quale elemento di gratificazione del proprio elettorato, la cura del verde e la pulizia delle sole zone centrali dell’intero territorio, sono elementi tutti che militano a favore di una assoluta assenza di programmazione , mancanza di idee, tali da apportare beneficio alla nostra collettività, ormai allo stremo.

Inoltre, il nervosismo manifestato pubblicamente ed a mezzo dei social, la assoluta chiusura al dialogo del sindaco uscente, Infermiere Ussia, manifestata rifiutando un pubblico e democratico confronto televisivo con il Candidato della Lista n°1 dott. Antonio Tedesco , sono indicatori di quella affermata e certificata “inadeguatezza” a continuare ad esercitare l’azione amministrativa.

Nonostante ciò, chi vi scrive ritiene che la stragrande maggioranza dell’elettorato Guardavallese, lasciandosi dietro uno stato di torpore intellettuale, risponderà una volta per tutte positivamente alla chiamata alle urne nella assoluta ricerca di i un vero cambiamento.

Voi tutti elettori, elettrici e giovani che per la prima volta sarete chiamati alle urne, ripeto voi tutti, avete un compito gravoso ed impegnativo: quello di provare a cambiare .

Solo attraverso la scelta di votare la Lista n° 1 con candidato a sindaco il dott. Tedesco, potrete sentirvi un giorno assolti dai rimpianti di ciò che ,colpevolmente, non avrete fatto.

Io e tutti i candidati consiglieri della lista n° 1 , ognuno pere le proprie esperienze, professionalità e lavoro svolto, daremo il nostro contributo.

Non staremo a guardare, non saremo passivi a lamentarci di un presente quanto mai incerto, o a ricordare nostalgicamente il passato o a discutere e sognare su progetti irrealizzabili. Noi avremo solo una idea in mente: quella di dare a tutti voi “RISPOSTE SEMPLICI A GRANDI QUESITI”.

La nostra azione amministrativa sarà votata alla concretezza e mirata al bene dell’intera collettività.

I nostri e, pertanto vostri, obbiettivi saranno visibili e tangibili; l’esito del vostro mandato elettorale non verrà mai presentato o spettacolarizzato con l’ausilio di comici ed artisti. In altre parole la nostra opera sarà sobria , concreta e senza rumore alcuno.

Voi Elettori ed elettrici sarete gli artefici del vostro e nostro destino, del destino delle nostre famiglie, dei nostri figli, dei nostri anziani, in una unione generazionale affinche’ la barra del timone non vada più in mani inesperte e per dare la giusta rotta alla nave “guardavalle” ormai alla deriva.

L’auspicio che vi porgo è quello di vedere vincente la lista a cui mi onoro di appartenere, Civiltà Politica, con la certezza per tutti voi che all’indomani del voto, possiate comunque dare il vostro contributo alla nuova alba di Guardavalle. Come lo potrà dare chi verrà demandato dal popolo ad esercitare una sana e democratica opposizione.

A tal proposito, Vi annuncio fin da ora, che da parte mia come da parte degli altri candidati di “CIVILTA’ POLITICA”, in totale dissonanza con modalità e attitudini esternate e palesate dai componenti della lista avversaria, eserciteremo il nostro mandato in un clima di rispetto reciproco, senza mai considerare il proprio avversario come un nemico, bensì come un interlocutore con cui confrontarsi nei limiti previsti.

Questo sarà solo l’inizio del nostro cammino e della nostra entusiasmante sfida.

Sono certo che muoveremo i primi passi nel buio assoluto in cui è stata lasciata Guardavalle dalla amministrazione Ussia. Sono certo, inoltre, che il cammino, sarà disseminato da livore , rabbia e da “preannunciate” insidie . Ma pur nella consapevolezza di quanto detto andremo avanti dando fondo a quel sentimento, “coraggio”, che certamente a noi di non manca.

Sono convinto e lo siamo tutti noi, che solo attraverso le asperità si potrà uscire dal buio ed arrivare alle stelle.

Mi piace concludere con un motto utilizzato dagli incursori della Marina Militare durante le loro imprese nel

mediterraneo durante il II° conflitto Mondiale :

“LE STELLE BRILLANO SOLTANTO IN NOTTE OSCURA”

Buon voto a tutti Voi

Avv. Maurizio Belmonte

Commenti
Loading...
X