Azzerata la TASI confermata l’IMU

Restano invariate per il 2018 tutte le altre tariffe

La giunta comunale, guidata dal sindaco Pino Ussia, ha confermato anche per l’anno 2018 l’azzeramento dell’aliquota Tasi. La normativa, infatti, prevede che l’aliquota della Tasi è pari all’1 per mille e può essere ridotta fino all’azzeramento. Le aliquote, inoltre, possono essere differenziate in ragione del settore di attività nonché della tipologia e della destinazione degli immobili e il Comune può prevedere esenzioni o riduzioni per abitazioni con unico occupante; abitazioni tenute a disposizione per uso stagionale od altro uso limitato e discontinuo; locali, diversi dalle abitazioni, ed aree scoperte adibiti ad uso stagionale o ad uso non continuativo, ma ricorrente; abitazioni occupate da soggetti che risiedano o abbiano la dimora, per più di sei mesi all’anno, all’estero; fabbricati rurali ad uso abitativo. L’ente, inoltre, stabilisce la disciplina delle riduzioni, prendendo in considerazione la capacità contributiva della famiglia, sulla base dell’Isee. Tenendo conto di tutto ciò, la giunta ha, quindi, ritenuto di optare anche per il 2018 per l’azzeramento dell’aliquota Tasi, avendo verificato che il fabbisogno finanziario dell’ente, atto a garantire l’erogazione dei propri servizi, può essere tranquillamente soddisfatto. Anche per quanto riguarda l’Imu, la giunta ha proposto al consiglio comunale la conferma delle aliquote del 2017, per un gettito da iscrivere nel bilancio di previsione 2018 calcolato presuntivamente in 452mila euro. Per l’abitazione principale l’aliquota è fissata al 5 per mille, mentre per i terreni edificabili e per gli altri fabbricati abitativi è fissata al 10,6 per mille. Sono state confermate anche le tariffe per l’applicazione dell’imposta comunale sulla pubblicità e le pubbliche affissioni, nonché quelle relative agli impianti sportivi e al canone occupazione suolo pubblico.

Fonte: Gazzetta del Sud – Letizia Varano

Commenti
Loading...
X