Il comune presta lo scuolabus alla onlus dei disabili

Attenzione alle fasce più deboli e disagiate, queste le premesse con cui l’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Pino Ussia, ha concesso in comodato d’uso gratuito all’associazione “Esperia” lo scuolabus di proprietà comunale idoneo per il trasporto dei disabili. La concessione è valida fino al 31 dicembre 2018. «Negli anni – ha spiegato la giunta – si è instaurata una collaborazione con l’associazione “Esperia” che gestisce una struttura diurna per disabili e che costituisce l’unico punto di riferimento per i numerosi diversamente abili residenti nel comprensorio». La struttura cui fa riferimento l’amministrazione comunale è ubicata a San Vito sullo Ionio e ospita i diversamente abili residenti nel comune di Guardavalle che per poter raggiungere il centro diurno devono utilizzare un proprio mezzo, non potendo usufruire dei mezzi pubblici, sia per l’assenza di corse che per l’inidoneità degli stessi mezzi. Proprio per andare incontro alle esigenze dei portatori di handicap e permettere loro di raggiungere il centro di San Vito sullo Ionio, l’amministrazione ha ritenuto opportuno fornire in comodato d’uso il veicolo di proprietà dell’ente. Il mezzo, acquistato nell’ambito di un progetto in favore della disabilità, è dotato di poltrone dedicate al trasporto dei disabili e della relativa pedana di sollevamento. «Siamo attenti a garantire il diritto alla mobilità – dichiara l’amministrazione – in special modo nei confronti delle categorie sociali più deboli, soprattutto la disponibilità di coloro che non no in grado di muoversi autonomamente nel territorio a causa di handicap fisici o mentali, e grazie alla stretta collaborazione tra le varie associazioni, per l’abbattimento di tutte quelle barriere che possono limitare la mobilità». In base all’accordo stabilito con l’associazione “Esperia”, sarà quest’ultima a sostenere le spese di manutenzione ordinaria e straordinaria, nonché quelle necessarie per l’utilizzo del mezzo, mentre il pagamento dell’assicurazione rimane a carico dell’amministrazione comunale.

Fonte: Gazzetta del Sud – Letizia Varano

Commenti
Loading...
X