La pulizia? Ci pensano i cittadini

I residenti del quartiere “Vescovado” di Guardavalle Marina, nei giorni scorsi, armati di rastrelli, pale e mezzi meccanici, hanno pulito i marciapiedi dalle erbacce e di tutto ciò che si trovava su di essi. Nell’occasione Lello Messineo, portavoce del comitato dei cittadini, ha spiegato i motivi dell’iniziativa considerando anche le difficoltà economiche che hanno i comuni nel fare gli interventi sul territorio. Sul posto durante la pulizia era presente anche il sindaco Pino Ussia, che ha ha ringraziato i cittadini e parole d’elogio per l’iniziativa. «Se non ci pensano le istituzioni – precisa Messineo – spesso, sono i cittadini a Fendere in mano la situazione come è successo proprio domenica con un gruppo di volontari-residenti che hanno dedicato la giornata alla pulizia, delle banchine che in alcuni casi risultavano impraticabili. L’erba in diversi punti superava quasi il metro di altezza e questo, a nostro parere, sta a dimostrare che le istituzioni non si sarebbero interessate alla situazione di degrado e altre azioni di pulizia da diverso tempo. Con questa azione le circa 20 persone, appartenenti a più o meno 20 famiglie del luogo hanno dato una risposta concreta alla totale inefficienza di chi dovrebbe provvedere al decoro urbano. Auspichiamo che gruppi del genere nascano, crescano e si rafforzino; ormai si è capito che ognuno dovrebbe contribuire a mantenere pulita la propria città: “Un cittadino che collabora a mantenere pulita la propria città è un protagonista della lotta agli sprechi e all’indifferenza”» Basta pagare le imposte per dimostrare senso civico o bisogna anche darsi da fare? Alcuni cittadini, incontrati in altre zone del paese, sull’argomento la pensano in modo diverso: «Pago le tasse, c’è chi è pagato per farlo». Sta di fatto, comunque, che in molti centri della Calabria i cittadini, spesso più affezionati alla cosa pubblica dei loro stessi rappresentanti, provvedano a tenere pulite strade e marciapiedi. Una iniziativa lodevole che, speriamo, si ripeta in altre zone di Guardavalle dove è richiesto un intervento simile e dalle foto che pubblichiamo sotto sembra non siano poche.

Fonte: Il Quotidiano – Franco Laganà

Commenti
Loading...
X